+39 0541 1410580 - +39 335 1871869 - +39 0541 1410579

News

Legale Coppola & Partners

Contributo a fondo perduto del decreto Sostegni: come chiederlo

A partire dal 30 marzo, e fino al 28 maggio 2021, imprese, lavoratori autonomi, professionisti, nonché i titolari di reddito agrario e gli enti del terzo settore, possono inviare la domanda per accedere al nuovo contributo a fondo perduto del decreto Sostegni. Per ottenerlo occorre verificare di avere tutti i requisiti richiesti e conoscere le modalità per la compilazione e la presentazione dell’istanza. Massima attenzione all’inserimento dei dati inseriti: sono previsti, infatti, controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate e della Guardia di Finanza con pesanti sanzioni, anche penali, in caso di indebita percezione del contributo. Nella guida, realizzata in collaborazione con Bruno Pagamici e Rita Friscolanti, tutte le informazioni per chiedere, calcolare e utilizzare il contributo a fondo perduto.Tutto pronto per la partenza del contributo a fondo perduto previsto dal decreto Sostegni (D.L. n. 41/0221). Le domande per accedere al beneficio possono essere presentate dal 30 marzo 2021al 28 maggio 2021.Possono beneficiare dell’agevolazione, i soggetti titolari di partita Iva (impreselavoratori autonomiprofessionisti, titolari di reddito agrario, enti del terzo settore) attiva al 23 marzo 2021, che, nel 2019, hanno avuto ricavi o compensi non superiori a 10 milioni di euro e, nell’anno 2020, hanno avuto un fatturato medio mensile inferiore almeno del 30% rispetto al fatturato medio mensile dell’anno 2019.Per ottenere il contributo a fondo perduto è necessario rispettare determinate condizioni. Occorre infatti verificare se si hanno i requisiti per rientrare nella platea dei soggetti beneficiari, avere a disposizione tutti i dati richiesti per procedere alla compilazione e alla presentazione dell’istanza, nonché conoscere tutti gli elementi per valutare se scegliere l’erogazione diretta sul conto corrente o se utilizzare l’opzione del credito d’imposta.Massima attenzione soprattutto alle indicazioni riportate nella domanda, sono infatti previste pesanti sanzioni, anche penali, in caso di indebita percezione del beneficio e si ha un tempo estremamente ridotto per poter sostituire un’istanza inviata con dati errati.

Per maggiori informazioni:

LEGALE COPPOLA & PARTNERS

Info & Contatti

Tel
+39 0541 1410580
Fax. +39 0541 1410579
Emergenze +39 335 1871869

WWW.LEGALECOPPOLAWEB.COM

Translate »